UEFA ed ECA: verso una nuova Superlega nel 2027?

UEFA ed ECA: verso una nuova Superlega nel 2027?
UEFA ed ECA

Il calcio europeo potrebbe essere sull’orlo di una trasformazione epocale nei prossimi anni. Dopo la controversa proposta della Superlega, che ha visto alcuni dei più grandi club europei cercare di creare una competizione separata, ora emergono nuove voci riguardo a una possibile collaborazione tra UEFA ed ECA (European Club Association) per creare la loro versione della Superlega.

La battaglia con A22 Sport per la Superlega è ancora in corso, con club come il Barcellona e il Real Madrid che continuano a sostenere il progetto nonostante il ritiro della Juventus. Tuttavia, secondo quanto riportato dai principali media spagnoli, tra cui El Pais e Marca, potrebbe esserci un’imminente svolta. Si parla di un progetto che potrebbe vedere la luce entro il 2027, proprio mentre la Champions League si prepara a lanciare il suo nuovo formato nel 2024/25.

Le indiscrezioni suggeriscono un sistema di competizioni suddiviso in tre divisioni, ognuna composta da 18 squadre: la Super League, l’Europa League e l’Aspirant League. Questo nuovo sistema prevederebbe promozioni e retrocessioni tra le divisioni. In particolare, due squadre salirebbero e scenderebbero tra la Super League e l’Europa League, mentre quattro squadre farebbero altrettanto tra l’Europa League e l’Aspirant League.

UEFA ed ECA puntano su una nuova Superlega

Tuttavia, i club più influenti e potenti sembrano non voler correre troppi rischi. Temono che una sola stagione negativa possa relegarli nelle divisioni inferiori. Di conseguenza, stanno proponendo che la retrocessione venga determinata sulla base della media dei risultati ottenuti nelle ultime tre o cinque stagioni, anziché in una singola stagione.

Un tale formato potrebbe aumentare notevolmente il numero di partite, in un momento in cui molti allenatori e giocatori già si lamentano di un calendario troppo fitto. Inoltre, la proposta potrebbe richiedere ai club di espandere le loro rose fino a 34 giocatori, al fine di competere sia a livello europeo che nazionale.

Un altro punto cruciale riguarda il calendario delle partite. Con un numero così elevato di incontri europei, come verranno distribuite le partite durante la settimana? E cosa accadrà alle competizioni nazionali? Si prevede che, col tempo, una competizione di tale portata finirà inevitabilmente per occupare anche i weekend.

Il Comitato Esecutivo UEFA si riunirà a fine ottobre e ci si aspetta che questa riunione possa essere cruciale per determinare la fattibilità e la direzione di questo ambizioso progetto. Se approvato, potrebbe rappresentare una delle più grandi rivoluzioni nella storia del calcio europeo.

Mentre il dibattito sulla Superlega continua a infiammare il mondo del calcio, l’idea di una collaborazione tra UEFA ed ECA potrebbe rappresentare una soluzione di compromesso. Tuttavia, rimangono molte domande senza risposta e molte sfide da affrontare. Il 2027 potrebbe segnare l’inizio di una nuova era per il calcio europeo, ma solo il tempo dirà se questa visione diventerà realtà.