Palermo-Frosinone, il Giudice Conte ‘attacca’ Malagò: la lettera al Presidente del Coni

0
5409

Palermo-Frosinone, il Giudice Conte ‘attacca’ Malagò

Continua la Bufera dopo lo scandalo visto da tutta Italia nella Finale dei Play-Off tra Palermo-Frosinone. Anche il Giudice Conte manda una lettera al presidente del coni, dove sottolinea come i fatti siano evidente agli occhi di tutti chiedendo Giustizia per rendere lo sport credibile.

Caro Presidente Malagò,
ho riflettuto molto prima di scriverle questa lettera pubblica, che spero leggerà, ma poi alla fine ho deciso di farlo, perché credo che il suo post su Twitter meriti una certa attenzione e, soprattutto, una qualche risposta, da profondo amante del mondo dello sport, quale sono, da quando sono nato.
Perché vede, caro Presidente, lei oggi ha inneggiato alla Promozione del Frosinone, società per la quale, le confesso, fino a ieri nutrivo un po’ di sana simpatia, come per tutte quelle squadre di provincia che con grandi sacrifici riescono ad entrare nel calcio di élite, come una sorta di modello da seguire.
Ed io spero che lei, in assoluta buona fede e pieno di impegni, non abbia visto la partita di ieri con il Palermo che ha sancito la promozione in serie A della Sua società modello.

Perché chiunque ieri sera ha visto la partita, e mi creda sono stati in tanti, tifosi e non, non può non aver capito che quella è stata la dimostrazione più evidente di cosa NON debba essere lo Sport, così come lo intendiamo noi, forse illusi, amanti di questa nobile disciplina.

Leggi anche   Miccoli: “Play-off? Ecco come finirà

Perché cominciare a simulare dal 4’ minuto, giocare duro fin da subito e soprattutto cercare di condizionare l’arbitro (riuscendoci purtroppo…) per tutta la gara non è Sport ma tutt’altro.


Per non parlare dell’ignobile farsa finale del tempo di recupero, in cui tutti, giocatori, raccattapalle e pubblico, hanno avuto come compito quello di impedire di giocare, lanciando palloni in campo ed arrivando addirittura ad impedire che l’arbitro fischiasse regolarmente la fine.
Se può, La prego, di rivederla.
Stavamo tutti cercando di leccarci le ferite, perché sa, caro Presidente, noi a Palermo nel mondo dello sport ne abbiamo fin troppe, quando è arrivato il suo post, quasi di beffa, che non possiamo proprio accettare, non tanto noi anziani, che ormai abbiamo fatto il callo, ma soprattutto giovani, quelli che lo Sport vero non l’hanno purtroppo mai visto sul serio.
Perché non ci può dire che quello che abbiamo visto ieri è un modello di società sportiva.
Quello che abbiamo “ammirato” ieri e’ uno spot perfetto su quello che dobbiamo insegnare ai nostri giovani a non fare, se vogliono praticare lo Sport con la S maiuscola.
Quindi, caro Presidente, la prossima volta che vuole celebrare qualcosa o qualcuno, la prego di documentarsi per bene.
Perché Lei dovrebbe essere la figura di vertice dello Sport in Italia e lo Sport, in qualsiasi parte del mondo, dovrebbe essere una cosa pulita.
E ieri, mi creda, lo spettacolo che abbiamo visto non lo è stato, in nessun modo possibile ed immaginabile.
Lo Sport dovrebbe essere il modo migliore per combattere la criminalità, togliendo i ragazzi dalle strade e mettendoli nelle palestre, dove non si vince con la violenza ma con il sudore e la fatica.
Ieri è stata solo la dimostrazione di come si possa vincere facendo i furbi ed eludendo palesemente le regole.
Per il futuro si ricordi di questo, per favore, perché Lei ha una grande responsabilità in questo Paese.
Soprattutto verso coloro che ancora credono che lo Sport possa aiutare i giovani ed il nostro futuro.
Cordialmente, Mario Conte

Leggi anche   Cessione Palermo: Follieri ad un passo ad acquistare il Palermo Calcio
leggi anche
Loading...
Copy

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here